Come fare per


1.03.03 - RINUNCIA ALL’EREDITÀ
Dove

Cancelleria Volontaria Giurisdizione

Palazzo di Giustizia di Palermo
Piazza Vittorio Emanuele Orlando
90138 - Palermo
 
Piano:
Stanza: 23 
Orario di Apertura al pubblico: dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00
Responsabile: Dott.ssa Delia Romano (Direttore Amministrativo)
Fax: 091 – 331287
Cos'èChi non intende accettare un’eredità deve fare espressa rinuncia mediante dichiarazione ricevuta da un notaio o dal cancelliere del Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione (luogo dell’ultimo domicilio del defunto). Viene effettuata generalmente quando l’eredità è gravata da debiti per non dovervi risponderne e in tal caso dovrà essere effettuata anche da tutti i discendenti del rinunciante. Può essere fatta anche per agevolare altri coeredi con un unico passaggio di proprietà qualora l’eredità sia attiva.

La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta a condizione o a termine, né può essere limitata solo ad una parte dell'eredità stessa.
Chi può richiederloGli eredi, il genitore o il tutore se la rinuncia viene fatta per minori, interdetti e inabilitati: in questo caso è necessaria l’autorizzazione del Giudice tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
Come si richiede e documenti necessariLa rinuncia all’eredità si compie mediante dichiarazione ricevuta da un notaio oppure dal cancelliere del Tribunale di Palermo, ove si è aperta la successione (luogo dell’ultimo domicilio del defunto).

In questo caso l’interessato deve presentarsi presso la Cancelleria Volontaria Giurisdizione, previo appuntamento, munito dei seguenti documenti:
  • certificato di morte (in carta libera)
  • documento di identità valido
  • codice fiscale
  • copia autentica dell'eventuale testamento (in bollo) 
  • copia autentica dell'autorizzazione del Giudice tutelare, se tra i rinuncianti vi sono dei minorenni, persone dichiarate interdette o inabilitate .
E’ possibile presentare una domanda unica di rinuncia per ogni grado di parentela (es. tutti i fratelli insieme).

E’ inoltre importante che chi intenda rinunciare non abbia disposto cioè venduto o donato nulla di appartenenza del defunto.

Termini per la presentazione:
  • se si è in possesso di beni ereditari: tre mesi dal decesso (art. 458 codice civile)
  • se non si è in possesso dei beni ereditari: fino alla prescrizione del diritto (10 anni).
E’ opportuno effettuare la rinuncia prima della presentazione della denuncia di successione o comunque prima di dividere l’eredità. La rinuncia può essere ricevuta solo dal Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione (ultimo domicilio del defunto) o da un notaio su tutto il territorio dello Stato.
TempiLa rinuncia può essere ricevuta su prenotazione.
CostiESENTE DA CONTRIBUTO UNIFICATO

È invece soggetto:
  • all’imposta di bollo pari a € 16,00 (art. 1 D.M. 24 maggio 2005)
  • all’imposta di registro pari a € 200,00 (D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131 - T.U. dell’imposta di registro), per ogni rinunziante
  • ai diritti di copia e di certificato come da apposita tabella (Allegati – tabella dei diritti di copia)

Servizi per i cittadini