Come fare per


1.04.01 - SEPARAZIONE CONSENSUALE
Dove

Cancelleria I Sezione Civile

Palazzo di Giustizia di Palermo
Piazza Vittorio Emanuele Orlando
90138 - Palermo
 
Piano: 2° ammezzato
Stanze: 28- 29- 34-35-36-37-71
Orario di Apertura al pubblico: dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00
Responsabile: Dott. Rosario Zarcone (Funzionario giudiziario)
Fax: 091 – 58 73 27 / 091 - 58 21 01
Cos'è

I coniugi hanno facoltà di richiedere la separazione consensuale quando tra loro vi è completo accordo su tutti gli aspetti (personali ed economici) della disciplina che dopo la separazione dovrà regolamentare la loro vita e quella dei figli. In particolare i coniugi possono chiedere, se sono d’accordo:

  • di essere autorizzati a vivere separati;
  • che i figli siano affidati ad entrambi congiuntamente; solo in casi eccezionali l’affidamento può essere esclusivo.
  • che la casa coniugale sia assegnata ad uno dei due coniugi, anche indipendentemente dai diritti che i coniugi stessi, o terzi, hanno sulla stessa, in presenza di figli minori o maggiorenni non ancora autosufficenti;
  • di regolare consensualmente ogni rapporto patrimoniale derivante dal matrimonio.

Quando vi sono figli minori le condizioni di affidamento devono essere valutate dal Tribunale.

 

In merito ai trasferimenti immobiliari, le parti possono obbligarsi a porre in essere l’atto di trasferimento con successivo atto notarile entro un termine dall’avvenuta omologazione. La parti possono godere di un vantaggio fiscale specificando che “il trasferimento immobiliare costituisce elemento funzionale ed indispensabile ai fini della risoluzione della controversia coniugale”. Circolare Agenzia delle Entrate n. 27/E del 21.06.2012

 

Il ricorso deve essere sottoscritto da entrambi i coniugi e devono comparire personalmente all’udienza innanzi al Presidente del Tribunale.

Chi può richiederlo

I coniugi in maniera congiunta, con l’assistenza di un avvocato difensore, eventualmente anche diverso per ciascuno di loro.

Come si richiede e documenti necessari

Ricorso sottoscritto dal difensore/i indirizzato al Presidente del Tribunale di Palermo (ovvero del Tribunale nel cui territorio ha la residenza o il domicilio almeno uno dei coniugi), con le firme di entrambi i coniugi.

 

Il ricorso, su carta semplice, deve riportare le disposizioni destinate a disciplinare i futuri rapporti tra i coniugi e deve essere iscritto al Ruolo Generale Civile. 

 

Documenti da presentare unitamente alla domanda:

  • estratto di matrimonio (da richiedere nel Comune dove il matrimonio è stato celebrato) (esente bollo)
  • stato di famiglia di entrambi i coniugi (esente bollo)
  • certificato di residenza di entrambi i coniugi (esente bollo)
  • nota di iscrizione a ruolo
  • Non è ammessa l’autocertificazione.
  • I certificati devono essere rilasciati dal Comune, in originale, e hanno validità di 6 mesi. 

Si precisa che, per la semplificazione dei procedimenti di separazione consensuale e di divorzio, il decreto legge n.132/2014, convertito nella legge n.162/2014, al capo III, contempla disposizioni alternative al tradizionale ricorso al Tribunale (Negoziazione Assistita).

Tempi

6 mesi circa

CostiContributo unificato pari a € 43,00
ModulisticaNota di iscrizione a ruolo

Servizi per i cittadini